Cosa sono i droni? Dopo una breve ricerca su Internet, ecco la risposta: sono velivoli a pilotaggio remoto impiegati in campo militare, per esplorare il campo di guerra dall’ alto e, eventualmente sganciare bombe o per monitorare il flusso di immigrati clandestini e i traffici illeciti (ad esempio come sta facendo l’ America al confine con il Messico o, più semplicemente, l’ Italia dove in alcune spiagge, in estate, vengono impiegati per controllare i venditori ambulanti), o in ambito civile per aiutare i soccorsi dopo le  catastrofi o gli incidenti e arrivare in aree irraggiungibili altrimenti.

Sono dunque qualcosa di fantascientifico, o almeno così vi sembra. Invece no: i droni fanno farte della nostra vita quotidiana. Voi direte:

“Ma non ne ho mai visto uno volare sopra la mia testa.”

Invece vi sbagliate e vi dirò pure che senza di loro la nostra vita sarebbe molto più difficile. Immaginiamo una nostra giornata:

1)    Ci svegliamo e dobbiamo andare in un luogo, ma non sappiamo dov’è, allora ricorriamo a uno strumento comunissimo: Google Maps, che ci guida grazie a immagini scattate da satelliti, quindi droni. Senza di esse faremmo molta più fatica ad orientarci in zone o città a noi sconosciute.

2)    Dopo la passeggiata ci viene fame e ci sediamo in un ristorante e ordiniamo un piatto di pasta. Noi italiani, famosi per la dieta mediterranea non potremmo goderci la nostra amata pastasciutta senza i droni ! La pasta è fatta di grano e nelle colture intensive di grano, l’ uso di droni è comune per monitorare grossi appezzamenti di terra.

3)    È arrivata sera, e ci viene voglia di guardare la TV. Alcuni documentari e film sono realizzati con l’ uso di droni per fare le riprese, perché possono riprendere da punti elevati e difficili da raggiungere.

Oltre ad essere pratici e versatili, sono stabili e piccoli, caratteristiche che hanno permesso il loro utilizzo anche come un gioco, infatti se si va in un qualsiasi negozio di modellismo o di giocattoli di sicuro li troverete. In alcune prestigiose università europee, si è pensato addirittura di mettere a disposizione degli studenti droni per svolgere ricerche .

Nel futuro si prevede che la loro diffusione aumenterà, fino ad arrivare a confini oggi inimmaginabili, ad esempio pochi anni fa ad un salone automobilistico internazionale la Renault ha presentato un auto con drone integrato che può all’ occorrenza decollare per avere informazioni sicure, tramite fotografie, sul traffico o sulla praticabilità di un percorso. Anche il famosissimo sito di e-commerce Amazon sta progettando droni in grado di fare le consegne postali dei prodotti in vendita.

I droni sono già tra noi, e saranno sempre di più. Non c’è da averne paura ma quando pensate al nostro futuro o alle nostre azioni quotidiane, pensate anche ai droni.

Iacopo Pizzutilo

Che ne pensi?